Il Re, l’arrocco e lo scacco matto

Il Re è il pezzo fondamentale del gioco, in quanto la sua cattura fa automaticamente perdere la partita al gicoatore. Esso si può muovere di una sola casella alla volta in qualunque direzione ad eccezione di quando si compie la mossa dell’arrocco. Il Re non può spostarsi in caselle che sono sotto minaccia di un qualunque pezzo avversario. L’arrocco è una mossa difensiva ed è l’unica mossa del gioco che consente di muovere due pezzi contemporaneamente, il Re e una Torre, essa può essere effettuata una sola volta nel corso della partita da ogni giocatore. Perchè un giocatore possa arroccare devono essere soddisfatte le seguenti condizioni:

  • Il Re non deve essere mai stato mosso durante la partita;
  • La Torre convolta nell’arrocco non deve essere mai stata mossa prima durante la partita;
  • Il Re al momento dell’arrocco non deve trovarsi sotto scacco;
  • Durante il movimento dell’arrocco il Re non può attraversare caselle minacciare da pezzi avversari, compresa la casella d’arrivo;
  • Tra il Re e la Torre non vi devono essere altri pezzi, amici o avversari.

 

L’arrocco viene fatto spostando il Re di due caselle verso la Torre e mettendo la stessa a fianco del Re dalla parte opposta. L’arrocco può essere di due tipi: corto o lungo, a seconda che il re si muova verso la Torre più vicina o lontana.

Lo scacco matto è il fine che il giocatore deve seguire perseguire, è la condizione in cui il re avversario è direttamente minacciato da un nostro pezzo e non ha alcuna modalità di sottrarsi a tale minaccia, in quanto qualsiasi mossa compia sarebbe sempre “catturabile” da un nostro pezzo.

Durante le fasi di apertura e di mediogioco il Re difficlmente ha un ruolo attivo, solitamente viene protetto da Pedoni ed altri pezzi, nelle fasi finali invece il Re può aiutare od impedire la promozione dei Pedoni.

Lascia un Commento

by SEOVISION - P.IVA 04016620231